Riforma, Renzi vuole davvero fare un passo indietro: sulle deleghe coinvolgiamo gli insegnanti

Da TecnicaDellaScuola.it – 23/02/2016 – Il premier Renzi torna a porgere la mano ai docenti, chiedendo loro di partecipare alla stesura dei nove deleghe derivanti dalla riforma. E non è una frase di circostanza. Perché la terza dichiarazione sullo stesso “tasto” in due settimane. Stavolta, intervenuto all’assemblea del Partito Democratico, il presidente del Consiglio ha…

Gelmini: “Solo uno spot elettorale che per tre anni getta l’istruzione nel caos”

Da IlTempo.it – 21/09/2015 – L’ex ministra: “Questa riforma non cura la “supplentite”. Anzi l’aumenterà. La Buona scuola getterà l’istruzione pubblica italiana nel caos per almeno due o tre anni: parola di Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera dei Deputati ed ex ministro dell’Istruzione. In sintesi la cosiddetta Buona Scuola non…

“Riforma, ora di corsa per renderla operativa da settembre”

Da TecnicaDellaScuola.it – 26/06/2015 -A dirlo è stato il sottosegretario all`Istruzione, Davide Faraone, commentando l`approvazione del DdL “La Buona Scuola” al Senato: i tempi sono stretti, ma andiamo avanti con impegno perché #labuonascuola sia realtà concreta già dal prossimo anno scolastico. “Andiamo avanti con impegno perché #labuonascuola sia realtà concreta già dal prossimo anno scolastico. I tempi sono…

Riforma scuola, Renzi: “Se il ddl non passa, assunzioni con sistema classico del turn over”

Da Repubblica.it – 23/06/2015 – Il premier: “Fiducia? Deciderà il Parlamento”. Martedì il provvedimento riprenderà il suo iter in commissione Istruzione del Senato “Sulla scuola deciderà il Parlamento. Se la riforma passa ci saranno oltre 100 mila assunzioni, se la riforma non passerà o non passerà in tempo,  ci saranno le assunzioni legittime e normali…

Renzi: “La scuola non è un ammortizzatore sociale. Assunzioni valide solo se c’è cambiamento”

Da TecnicaDellaScuola.it – 22/06/2015 – “100 mila persone in più, più soldi per gli insegnanti, il merito nella valutazione e una diversa organizzazione basata sull’autonomia. Lo fa notare il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nella sua newsletter “enews”. “I governi che ci hanno preceduto hanno tagliato, noi mettiamo più soldi. Tanti. Perché per noi investire…