Il Consiglio di Stato apre le Gae ai diplomati magistrali

Da TecnicaDellaScuola – 17/04/2015 – I fatti hanno dato ragione alle nostre previsioni. Subito dopo aver appreso del parere con cui il Consiglio di Stato, in sede consultiva, aveva riconosciuto il valore abilitante del diploma magistrale conseguito entro l’a.s. 2001/2002, avevamo già preannunciato la possibilità di ricorrere avverso il D.M. 235/2014 con cui il Miur aveva disposto…

Dettagli

Medio Oriente: i tassi di analfabetismo femminile sono ancora a livelli drammatici

Da Ibtimes.com – 16/04/2015 – In occasione del ventesimo anniversario della Dichiarazione di Pechino, che nel 1995 sancì formalmente l’uguaglianza di genere, l’emittente saudita Al Arabiya ha reso noti i dettagli circa il livello d’istruzione delle donne nel mondo arabo. In Medio Oriente, secondo i dati raccolti, sarebbe circa del 42% la percentuale di analfabetismo tra le ragazze di età superiore ai 15…

Dettagli

Draghi: servono altri interventi sull’efficienza delle PA e sull’istruzione

Da LaStampa.it – 14/04/2015 – Una giustizia civile troppo lenta danneggia la competitività delle imprese italiane, mancano regole certe e stabili oltre a una maggiore affidabilità ed efficienza dei servizi pubblici. I prestiti deteriorati, per giungere al sistema bancario, devono emergere rapidamente in maniera da corroborare la ripresa dell’economia reale. Lo ha dichiarato alla Camera…

Dettagli

Allarme dell’Accademia della Crusca: “I giovani non sono padroni della lingua italiana”

Da AdnKronos.com – 14/04/2015 – “A ogni cambio di ministro dell’Istruzione ci aspettiamo, da decenni, che negli annunci delle nuove linee di politica scolastica ci sia almeno un accenno alla necessità di migliorare l’insegnamento dell’italiano. Veniamo delusi sistematicamente. Eppure, i rilevamenti compiuti da diversi organismi internazionali segnalano ripetutamente che la popolazione italiana nel suo complesso è molto…

Dettagli

Draghi: servono altri interventi sull’efficienza delle PA e sull’istruzione

Da LaStampa.it – 13/04/2015 – Una giustizia civile troppo lenta danneggia la competitività delle imprese italiane, mancano regole certe e stabili oltre a una maggiore affidabilità ed efficienza dei servizi pubblici. I prestiti deteriorati, per giungere al sistema bancario, devono emergere rapidamente in maniera da corroborare la ripresa dell’economia reale. Lo ha dichiarato alla Camera…

Dettagli