Da Edilizia.com – 08/11/2019 – È un fatto risaputo da tempo, la maggior parte delle strutture scolastiche italiane non godono dell’adeguata manutenzione per essere ritenute idonee e sicure ad ospitare dei bambini e dei ragazzi.

Tra il 2018 e il 2019, abbiamo assistito ad un crollo dei soffitti e degli intonaci. Non erano più pervenuti dei dati così allarmanti dal 2013. È proprio a questo proposito che è stato aperto un nuovo Bando rivolto agli Enti Locali, con scadenza prefissata per il 29 novembre 2019.

Bando per edilizia scolastica: caratteristiche e procedimento

È stato il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ad avanzare questa proposta, e a stanziare la somma di 65,9 milioni di euro. Questi fondi saranno destinati ad effettuare le dovute verifiche, analisi, sopralluoghi e indagini diagnostiche nelle scuole italiane. In questo modo sarà possibile constatare quali sono gli edifici a rischio, e prevenire quindi altri cedimenti.

Proprio su questo punto si concentreranno i controlli: sulla prevenzione dei crolli di solai e controsoffitti. Il Bando sarà disponibile per tutti gli edifici pubblici iscritti all’Anagrafe nazionale dell’edilizia scolastica del MIUR, i cui proprietari risultano essere Enti Locali.

I fondi stanziati saranno ripartiti così:

40 milioni di euro per le verifiche diagnostiche e le indagini approfondite nelle scuole;

25,9 milioni di euro destinati agli interventi ristrutturativi urgenti da effettuare.

Il 30% dei contributi saranno riservati per le Province e Città Metropolitane. Il restante 70% invece verrà destinato ai Comuni. La candidatura dovrà avvenire per mano degli Enti Locali, che potranno presentare domanda entro e non oltre le ore 15:00 del 29 novembre 2019.

L’ordine temporale delle indagini non sarà effettuato secondo la cronologia delle domande presentate, ma sulla base dei seguenti criteri ed elementi:

Data di costruzione degli immobili, con attenzione particolare per quelli realizzati prima del 1970;

Aree sismiche;

Numero degli studenti che frequentano l’istituto;

Tipologia di costruzione dei solai;

Assenza di interventi ristrutturativi negli ultimi 5 anni.

La nota del Viceministro del MIUR

Il Viceministro del MIUR Anna Ascani, sottolinea nella nota del Ministero come uno dei maggiori pericoli presenti nelle scuole italiane siano proprio i soffitti e i controsoffitti instabili.

La Ascani sostiene che l’allarme delle scuole non sicure cresce ogni giorno, e che bisogna intervenire tempestivamente per evitare che altri incidenti possano accadere prima delle verifiche. Conclude infine dicendo che questa situazione è diventata inaccettabile. Gli studenti non possono recarsi a scuola col pericolo di vedersi crollare l’edificio addosso. E i genitori non possono affidare i propri figli alle strutture scolastiche con il costante pensiero che qualcosa di brutto si possa verificare. È il momento di dire basta a tutto questo, perché la popolazione deve avere fiducia nelle istituzioni scolastiche, e non averne paura.

https://www.edilizia.com/economia-finanza/bando-edilizia-scolastica-il-miur-stanzia-659-milioni-di-euro/