Da Quotidiano.net – 23/11/2018 – Il Miur ha assicurato che i dirigenti scolastici non avranno responsabilità, in caso di autocertificazioni sui vaccini degli alunni, non veritieri. “Eventuali responsabilità connesse ad autocertificazioni non veritiere ricadono esclusivamente sugli autori delle stesse e non sulla dirigenza scolastica”. Oggi, alla presenza del ministro Marco Bussetti, il Miur ha tenuto un incontro con le Organizzazioni Sindacali rappresentative della dirigenza scolastica.

Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha affrontato con i sindacati rappresentativi della dirigenza scolastica il tema degli obblighi vaccinali, con specifico ed esclusivo riferimento agli adempimenti a carico dell’Amministrazione scolastica.

In una nota si legge: “Il Miur ha chiarito che eventuali responsabilità connesse ad autocertificazioni non veritiere ricadono esclusivamente sugli autori delle stesse e non sulla dirigenza scolastica”. Il ministro Bussetti ha garantito e auspicato un confronto costruttivo e costante con i sindacati. Ha rappresentato il primo di una serie di confronti tecnici che ci saranno a partire dalla prossima settimana per discutere del regolare avvio dell’anno scolastico e di temi più generali e specifici della scuola”.

Il presidente dell’associazione nazionale dirigenti pubblici e alte professionalità della scuola (ANP), Antonello Giannelli, ha espresso “piena soddisfazione per la presa di posizione del ministro Bussetti”. “Ribadiamo la posizione da noi già espressa nei giorni scorsi relativamente all’obbligo di vaccinazione ed al rischio di ammettere nelle scuole i bambini non vaccinati. Naturalmente, finché resta in vigore l’attuale legge sugli obblighi vaccinali, per garantire la tutela della salute di tutti i bambini ed in particolare di quelli immunodepressi, dovranno essere effettuati i controlli previsti dall’art 71 del DPR 445/2000. Ritengo che si debbano accettare le autocertificazioni solo ed esclusivamente laddove le ASL non siano in grado di rilasciare le certificazioni, circostanza che i genitori dovranno dichiarare sotto la propria responsabilità”. E conclude: “Sono soddisfatto del tono disteso dell’incontro e della volontà del ministro di pianificare una serie di successivi incontri tecnici, per garantire un buon avvio dell’anno scolastico”.