Da Leonardo.it – 06/06/2013 – A due settimane dall’inizio degli esami di Maturità 2013, è ufficialmente scattato il rush finale della preparazione per oltre 480mila studenti e, mentre il toto tracce impazza sul web, c’è chi farebbe di tutto per conoscere in anticipo le tracce che giacciono segretissime negli archivi del Ministero. Impossibile formulare pronostici esatti, ma nulla ci vieta di ragionare sulle contingenze che certamente hanno fatto molto parlare quest’anno, eventi sui quali solitamente ricade anche l’attenzione del Miur. Continuiamo quindi a parlare della prima prova di maturità, in programma il 19 giugno, concentrandoci su alcune delle possibili tracce per prima prova scritta.
Per quanto riguarda il tema di attualità, il fatto più importante dell’anno è stato  senza dubbio quello delle dimissioni di Papa Ratzinger con la relativa elezione di papa Francesco, un evento clamoroso nella storia della Chiesa, ma anche di gran valenza dal punto di vista scolastico se si pensa a Celestino V, il Papa di cui parla Dante nella Divina Commedia, “che fece per viltade il gran rifiuto”. Occhio quindi alla storia dei Papi dell’ultimo secolo, e al terzo canto della Divina Commedia.  Sempre tra gli eventi di attualità  degni di nota non possiamo dimenticare la morte di Rita Levi Montalcini. Questo potrebbe ispirare al Miur un tema legato all’importanza della scienza nei nostri tempi, sul rapporto tra etica e scienza, o sulle donne importanti nella storia della scienza (nel 2012 la celebre scienziata Margherita Hack ha compiuto 90 anni, saranno 91 fra pochi giorni). Infine, possibile anche un collegamento tra le apocalittiche teorie maya sulla fine del mondo dello scorso 21 dicembre e i reali problemi ambientali in atto (non dimentichiamoci che il 2013 è l’anno internazionale per la cooperazione idrica).
Per quanto riguarda la tipologia A, l’analisi di testo, ricorrono i nomi di Pascoli eD’Annunzio, il primo, grande rappresentante del Decadentismo italiano, morto 101 anni fa, e il secondo in quanto grande assente dalla maturità da ben 12 anni. Da non escludersi nemmeno Boccaccio, nel 2013 ricorrono infatti i 700 anni dalla nascita.
Per la traccia a carattere storico-politico sono diversi gli eventi su cui concentrarsi: nel 2012 è ricorso il centenario del suffraggio universale, indetto nel 1912 dal Governo Giolitti che stabilì come tutti gli uomini capaci di leggere e scrivere potessero esprimere la propria preferenza con il voto al compimento dei 21 anni di età,  30 per gli analfabeti. Sempre sul fronte “papale” quest’anno ricorrono i 50 anni della morte di Papa Giovanni XXII, il papa buono, ma possibile anche trovare qualcosa inerente alle stragi mafiose (20 anni nel 2012 dalla morte di Falcone e Borsellino) e all’arresto di Totò Riina, avvenuto il 15 gennaio 1993, con collegamento alla recente morte di Agnese, vedova Borsellino. Non scordiamo nemmeno che il 1963 diede alla luce il famoso discorso ‘I have a dream’ di Martin Luther King e il primo governo comunista in Italia.
Per quanto riguarda le arti non dimenticate di ripassare il cubismo, con le opere di Picasso e Braque, dei quali si celebra quest’anno l’anniversario della morte. Orientandosi nell’ambito dello spettacolo, infine, ricorrono 10 anni dalla morte di Alberto Sordi e Giorgio Gaber; 20 da quella di Federico Fellini, Nureyev e Audrey Hepburn; 40 dalla scomparsa di Anna Magnani e 200 dalla nascita di Verdi.
Consiglierei invece di non perdere molto tempo documentandosi sulla rielezione alla carica di Presidente della Repubblica di Giorgio Napolitano, e la scomparsa di Little Tony, Franco Califano e Franca Rame, perché fin troppo recenti.