Da OrizzonteScuola.it – 29/07/2014 –  Siamo quasi alla fine dei test di selezione per l’accesso al TFA II ciclo a.a. 2014/15. I candidati (prevista la partecipazione di circa 147.000 concorrenti) sono in trepida attesa dei risultati, per passare alla fase successiva, la prova scritta. Intanto bisognerà scegliere anche l’ateneo in cui si vuole svolgere le prove, e nel caso di esito positivo, il corso.

I risultati. Il Ministero non ha fornito alcuna indicazione, ma nel 2012, in occasione del I ciclo, i risultati furono pubblicati circa dieci giorni dopo l’espletamento di ciascuna prova, ci si augura che anche per il II ciclo la correzione possa essere veloce. Tuttavia non mancano le polemiche relative ad alcune domande dei test (praticamente per ciascuna classe di concorso), ma il Miur oltre a correggere tre domande (per la A012, A038 e A059), non è ancora intervenuto in proposito.

Poichè la selezione dovrà chiudersi entro ottobre 2014 (se veramente le lezioni dovranno iniziare a novembre, come indicato nel bando), le prove scritte dovranno svolgersi necessariamente nel corso del mese di settembre.

Ricordiamo che per essere ammesso alla prova scritta il candidato deve conseguire una votazione nel test preliminare non inferiore a 21/30.

La prova scritta sarà valutata in trentesimi (supera la prova chi consegue un risultato non inferiore a 21/30).

Come visualizzare il risultato del test I candidati che partecipano alle selezioni del TFA potranno consultare domande e risposte, nonchè i risultati del test sul sito Cineca.

La scelta dell’Ateneo. All’esito del test preliminare il Miur pubblicherà un nuovo decreto in cui saranno individuati i termini e le modalità in base ai quali ciascun candidato, ammesso alle successive prove scritte, può indicare con apposita integrazione dell’originaria domanda on line, l’Ateneo presso il quale intende svolgere le prove scritte e orali ed eventualmente frequentare il percorso di TFA

Con il medesimo decreto direttoriale saranno altresì definite le modalità con le quali i candidati ammessi alle prove scritte possono indicare due ulteriori Atenei, ubicati in altre Regioni, presso i quali svolgere il percorso di TFA qualora, al termine dell’intera selezione, sebbene abbiano superato tutte le prove selettive, non si siano collocati in posizione utile per l’accesso nell’Ateneo originariamente prescelto.

Per effettuare la ridistribuzione di tali candidati idonei si tiene conto delle preferenze espresse dagli stessi candidati e del punteggio finale, in valore assoluto, conseguito da ciascun candidato. I termini e le modalità con cui avviene la ridistribuzione degli idonei sono indicate con un successivo decreto.