Da TuttoScuola.com – 11/06/2014 – In una situazione di ambiguità, relativamente alle supplenze, resta tuttavia la categoria dei vincitori e idonei del concorso a cattedre 2012, la stragrande maggioranza dei quali sono ancora in attesa di inserimento in ruolo.

L’ambiguità deriva dal fatto che uno dei requisiti per l’iscrizione in II fascia è dato dall’abilitazione o idoneità all’insegnamento anche attraverso procedura concorsuale. I vincitori e gli idonei dell’ultimo concorso sono certamente idonei, ma (specificità solo del presente concorso) saranno abilitati solo al momento della loro assunzione.

Aldilà di qualsiasi considerazione giuridica favorevole all’una o all’altra tesi (risulta addirittura che Uffici Scolastici Regionali diversi diano risposte non univoche tra loro), che già comincia ad animare la consueta pratica dei ricorsi sistematici da parte di alcune organizzazioni di categoria, rileva che appare contrario al comune buon senso che i sicuri insegnanti in ruolo di domani siano penalizzati rispetto al conferimento delle supplenze rispetto ad altre categorie che non si sa se diventeranno mai di ruolo e che in più di qualche caso non hanno seguito alcun iter selettivo.

Stupisce insomma che l’amministrazione che ha indetto un concorso, attraverso cui si riappropriava della facoltà di selezionare la futura classe docente dopo 13 anni di assenza di selezioni, tra l’altro spendendo cospicui risorse e personale per raggiungere questo obiettivo, sia la prima a non riconoscere l’esito di questa selezione, se non per qualche finalità sì e qualche altra no.