Da Asca.it – 23/07/2013 – ”Bene ha fatto la Corte Costituzionale a rimettere alla Corte di Giustizia Europea la vertenza sulla stabilizzazione dei precari della scuola ma la nostra preoccupazione resta, perche’ il ministro ha riconfermato che i dati del turnover rimangono limitati a sole 59.000 unita’ nei prossimi quattro anni e in particolare per il 2013/2014 non sono ipotizzabili piu’ di 15.000 assunzioni tra docenti ed ATA, a causa degli effetti della riforma Fornero sui requisiti pensionistici”. Lo ha detto la senatrice Alessia Petraglia, capogruppo dei senatori di Sinistra, Ecologia e Liberta’ in commissione Istruzione. ”Si tratta di numeri limitatissimi al confronto degli oltre 130.000 supplenti attualmente in servizio e dei posti messi a concorso – ha aggiunto -. Stabilizzare i posti di lavoro per dare serenita’ non solo ai docenti precari, ma anche alle scuole e alle famiglie. Al primo settembre 2013 i posti liberi in organico di diritto saranno 29.523. Se si procedesse a stabilizzare tutti i posti oggi conferiti fino al 30 giugno sia per il personale docente che ATA, ci sarebbero subito le condizioni per stabilizzare 105.930. Ci sono gia’ le condizioni perche’ la scuola – ha concluso Petraglia – non sia piu’ un’enclave di precariato”.