Da Avvenire.it – 20/10/2015 – Sul sito sul sito del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (www.istruzione.it) è disponibile l’avviso pubblico per il finanziamento di indagini diagnostiche da effettuare sui solai degli edifici scolastici. Lo rende noto il Miur, sottolineando che grazie allo stanziamento di 40 milioni previsto dalla legge Buona Scuola sarà possibile intervenire in almeno 7.000 istituti.

“Dare scuole più belle, sicure e innovative ai nostri ragazzi, è l’obiettivo che perseguiamo fin dal nostro insediamento – dichiara il ministro Stefania Giannini -. Questo bando è un ulteriore tassello di un piano che sta portando risultati importanti e visibili sul fronte dell’edilizia scolastica. Un piano fatto non solo di risorse, ma anche di una precisa programmazione nazionale e di un costante monitoraggio, mai realizzato prima, degli interventi”.

L’Avviso pubblico, spiega il Miur, è rivolto a tutti gli Enti locali proprietari di edifici scolastici. Con questo bando il Ministero punta ad avere una radiografia delle condizioni dei solai degli istituti per prevenire i rischi di crollo e garantire al meglio la sicurezza dei ragazzi. Gli Enti locali dovranno inviare la propria candidatura entro il 18 novembre 2015 esclusivamente tramite una apposita piattaforma on line che sarà accessibile dal 26 ottobre prossimo. I contributi saranno erogati nei 15 giorni successivi all’approvazione della graduatoria che sarà redatta per Regione e ambito provinciale, sulla base dei punteggi assegnati a ciascun edificio scolastico. Le indagini dovranno essere affidate, pena la revoca del contributo, non oltre il 31 dicembre 2015. Obiettivo: tempi certi per le indagini.

L’importo massimo del contributo per le indagini relative agli elementi strutturali è pari a 7.000 euro per le scuole del primo ciclo e a 9.000 per le scuole del secondo ciclo. Mentre è previsto un finanziamento di non oltre 4.000 euro per le indagini relative agli elementi non strutturali nelle scuole del primo ciclo e di 6.000 euro per le scuole del secondo ciclo. I dati e i risultati delle indagini andranno ad aggiornare l’Anagrafe dell’edilizia scolastica.