Da Miur.it – 22/10/2013 – Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza, ha firmato il decreto che consente agli Enti di ricerca vigilati dal Miur di assumere per chiamata diretta ricercatori e tecnologi italiani o stranieri dotati di altissima qualificazione scientifica. Quest’anno, infatti, per la prima volta, una parte del Foe (Fondo ordinario di finanziamento degli Enti) è stata riservata all’incremento delle risorse umane destinate alla ricerca.

Si tratta di 1.613.045 euro che potranno essere utilizzati, come spiega il decreto, per la “chiamata diretta di ricercatori o tecnologi italiani o stranieri dotati di altissima qualificazione scientifica negli ambiti disciplinari di riferimento, che si sono distinti per merito eccezionale” o che siano “stati insigniti di alti riconoscimenti scientifici in ambito internazionale”. Obiettivo, dare nuovo impulso alla ricerca italiana portando dentro agli Enti eccellenze riconosciute anche all’estero. Sarà possibile anche il rientro di ‘cervelli’ che stanno lavorando fuori dal paese.

Ciascun Ente, entro il prossimo 8 novembre, dovrà presentare le sue candidature per concorrere alla distribuzione di parte dello stanziamento. La valutazione sarà effettuata dal Comitato di esperti per la politica della ricerca (Cepr) che, entro il 29 novembre 2013, esprimerà il proprio parere e predisporrà un’apposita graduatoria generale per il rilascio del nulla osta da parte del Ministro. Il finanziamento sarà ripartito con decreto del Ministro in base alla graduatoria stilata dal Comitato. I contratti di assunzione dovranno essere stipulati entro il 20 dicembre 2013.