Da Tuttoscuola.com – 01/09/2014 – La riforma della scuola sarà varata dal Consiglio dei ministri del prossimo 3 settembre. Forse per smentire le voci di un blocco della riforma della scuola dovuto a ragioni di ordine finanziario il presidente Renzi ha voluto precisare la data spiegando che il breve rinvio è stato deciso solo “per evitare un eccesso di carne al fuoco”.

Quanto alle voci e ai retroscena su presunti contrasti con il ministro Stefania Giannini Renzi ha smentito, ma a metà: “Non c’è nessun contrasto con nessun ministro”, ha detto, e “la proposta sulla scuola è sostanzialmente pronta”.

L’uso dell’avverbio ‘sostanzialmente’ in politica sta a indicare spesso che non c’è un vero e pieno accordo. Lo stesso premier in qualche modo lo riconosce: “non sempre condivido quello che dice la Giannini o altri ma credo che sia un fatto di sanità mentale”.
 Vedremo. Mercoledì è vicino…