Da IlFattoQuotidiano.it – 21/05/2015 – Scuola. La Camera ha approvato il piano straordinario di assunzioni con 263 voti a favore e 84 contrari. Il numero delle immissioni (che riguardano solo la scuola primaria e secondaria), deve essere determinato dal Ministero entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, sulla base delle indicazioni dei Dirigenti scolastici. Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, esulta su Twitter. La Camera ha approvato in serata l’articolo 10 del ddl Scuola sul piano straordinario di assunzioni con 263 voti a favore e 84contrari. Il testo – dopo il passaggio in commissione – conferma l’assunzione, da quest’anno, di circa 100 mila precari: i vincitori del concorso a cattedre del 2012 e gli iscritti nelle graduatorie a esaurimento. Viene inoltre prevista l’assunzione di tutti gli idonei vincitori del concorso a cattedre 2012 anche “per gli anni successivi” al 1° settembre 2016 “sino all’esaurimento dei soggetti aventi titolo”. “Con piano straordinario oltre 100 mila assunzioni per realizzare autonomia e potenziare offerta, ok art.10 #labuonascuola”, ha commentato su Twitter il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini.

Il numero delle assunzioni (che riguardano solo la scuola primaria e secondaria), deve essere determinato dal Ministero entro 15 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, sulla base delle indicazioni dei Dirigenti scolastici. Per il personale docente della scuola dell’infanzia e primaria continua invece ad applicarsi, fino a totale scorrimento delle relative graduatorie ad esaurimento, la disposizione secondo cui l’accesso ha luogo per il 50% mediante concorsi per titoli ed esami e per il restante 50% attingendo a queste graduatorie citate. A questi concorsi potranno accedere solo i candidati in possesso di abilitazione all’insegnamento. Il numero degli idonei non vincitori del concorso non potrà superare il 10% del numero dei posti banditi e le graduatorie avranno validità al massimo triennale.

Chiusura Gae solo “se esaurite” – In aula è stato approvato anche un emendamento del Pd che modifica la chiusura delle Graduatorie a esaurimento (le Gae) in modo che perdano efficacia dal 1° settembre 2016 (in vista del Piano straordinario di assunzioni) ma solo – ed è questa la novità – “se esaurite“.

Concorso ad hoc per soli abilitati – Per quanto riguarda gli abilitati Tfa e Pas, anche loro esclusi dal Piano assunzioni, è stato previsto un concorso ‘ad hoc’: il concorsone dovrà essere bandito entro il 1° ottobre 2015 e vi potranno accedere, per l’assunzione a tempo indeterminato, “esclusivamente i candidati in possesso del titolo di abilitazione all’insegnamento per la classe di concorso o la tipologia di posto per cui concorrono”. Inoltre, è stato previsto un limite al numero di idonei: non potranno essere più del 10% del numero dei posti banditi. Sempre per il futuro concorso viene previsto che costituiranno titoli “valutabili in termini di maggior punteggio”: aver insegnato per massimo 180 giorni con contratti a tempo e il titolo di abilitazione all’insegnamento “conseguito a seguito sia dell’accesso ai percorsi di abilitazione tramite procedure selettive pubbliche per titoli ed esami, sia del conseguimento di specifica laurea magistrale o a ciclo unico”. Le graduatorie avranno dureranno 3 anni.

Possibilità di scegliere tra sostegno e posti comuni – I docenti che saranno assunti con il Piano straordinario di assunzioni 2015 potranno scegliere se entrare di ruolo sul sostegno oppure sui posti comuni. Quindi salta l’obbligo per gli insegnanti abilitati al sostegno di essere assunti sui posti medesimi. Il testo attuale prevede infatti che “sono assunti prioritariamente sui posti di sostegno” quei docenti “in possesso del relativo titolo di specializzazione”.

Anche alle elementari docenti di educazione fisica – Coloro che hanno una specializzazione in Scienze motorie dal prossimo anno scolastico potranno essere a tutti gli effetti docenti nellescuole elementari.

IN 2015/16 assegnazione provvisoria interprovinciale – Per il solo anno scolastico 2015-2016 i docenti assunti a tempo indeterminato entro l’anno scolastico in corso “anche in deroga al vincolo triennale” di permanenza nella provincia, possono “richiedere l’assegnazione provvisoria interprovinciale”.