Da OrizzonteScuola.it – 04/12/2014 – Da quest’anno, l’avvio delle procedure per il pensionamento vedrà la novità delle abolizioni dei trattenimenti in servizio su base volontaria.

Ricordiamo che la possibilità per i dipendenti pubblici di fare richiesta di restare in servizio, dopo l’accoglimento da parte della stessa amministrazione per venire incontro ad esigenze organizzative e funzionali, da quest’anno è stata abrogata. La possibilità concedeva il servizio fino all’età di 68 anni.

Non solo, sono stati obbligatoriamente collocati in pensione d’ufficio dal 1 novembre 2014 coloro che beneficiavano di tale opzione grazie ad una proroga biennale.

Per la scuola è stato garantito il servizio fino al 31 agosto 2014 o fino alla scadenza della proroga, se anteriore a quella data.

L’abolizione è avvenuta questa estate a seguito della trasformazione in legge del Decreto Madia sulla Pubblica Amministrazione. Il Decreto, infatti, ha abrogato  l’articolo 16 del dl 30 dicembre 1992, n. 503, l’articolo 72, commi 8, 9, 10 del dl 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 e l’articolo 9, comma 31, del dl 31 maggio 2010 n. 122.