Da TecnicaDellaScuola.com – 03/12/2013 – Il decreto n. 45 del 22 novembre 2013, con cui il Ministero attiva i Percorsi Speciali abilitanti, insiste sulla necessità, anche per il percorso relativo alla scuola dell’infanzia, di raggiungere il livello B2 di conoscenza della lingua inglese.

Quello che in un primo tempo era apparso come un refuso, è stato invece riportato anche nel decreto di avvio dei corsi.

Nella nota del 30 ottobre 2013, indirizzata dal Miur alla Crui e ai Direttori degli USR avevamo notato un particolare circa il consegumento della certificazione linguistica B2 per l’inglese. Nella nota si legge infatti

Si ricorda che nel proporre la propria offerta formativa nelle classi di abilitazione della scuola dell’infanzia e primaria, le Università dovranno prevedere contestualmente anche un percorso finalizzato al conseguimento della certificazione linguistica di livello B2 per la conoscenza della lingua inglese

Il riferimento, come giustamente indicato anche nella nota, è il DD 25 luglio 2013, n. 58 art.6 comma 5

Esso però prevede “I docenti della scuola primaria, al fine di conseguire l’abilitazione, dovranno essere in possesso della certificazione B2 di lingua inglese prevista dal QCER, ai sensi dell’art. 3 comma 4 del dm 249/10.

Sarà cura degli Atenei attivare specifici percorsi volti all’acquisizione, per chi ne sia sprovvisto, della suddetta certificazione linguistica”

Pertanto, il dm n. 58 del 25 luglio prevede il B2 solo per la scuola primaria, ma nei provvedimenti successivi (nota del 30 ottobre 2013 e decreto del 22 novembre) il Miur introduce il raggiungimento del livello B2 anche per la scuola dell’infanzia (6 CFU). Infatti il quadro dei crediti formativi, pur specificando che i percorsi saranno svolti in maniera distinta per infanzia e primaria, pone come risultato finale l’acquisizione finale di 60 CFU, di cui 6 per la lingua inglese.

Nel caso in cui il candidato sia in possesso della certificazione delle competenze in lingua inglese ai sensi del deceto Miur 7 marzo 2012, i CFU relativi si intendono assolti.

In realtà non ci stupiamo più di tanto, dal momento che l’ultimo concorso ordinario indetto con DDG n. 82 del 24 settembre 2012 ha previsto il possesso delle competenze di lingua inglese a livello B2 sia per infanzia che per primaria. A questo punto però ci chiediamo perchè la relativa competenza non è stata segnalata nel dm n. 58 del 25 luglio 2013 e perchè non sia richiesta anche per i corsi previsti per la scuola secondaria.

Una situazione che si presterebbe ad ulteriori approfondimenti. Ci saranno sindacati che se ne faranno carico?