Da TuttoScuola.com – 31/10/2013 – Gli investimenti nell’educazione e nella formazione in Italia sono scesi dal 2009 al 2012 e continuano a essere molto al di sotto della media europea. In Italia, si investe solo il 4,2% del Pil in educazione e formazione, mentre la media dei 28 stati membri Ue è al 5,3%, anch’essa però in decrescita, come mostra l’ultimo monitoraggio della Commissione Ue su educazione e formazione.

Ben sedici stati membri, infatti, hanno tagliato gli investimenti all’educazione, con sei di questi, tra cui l’Italia, che l’hanno fatto in maniera più accentuata. L’Italia è molto al di sotto della media Ue, in particolare, nel “raggiungimento dell’educazione universitaria“: 21,7% contro il 35,7% comunitario nel 2012. Comunque sia in Italia che in Ue il dato è in lieve miglioramento rispetto al 2009.

Il tasso di impiego dei laureati è in Italia del 54,3%, a confronto del 75,7% in Europa, con un calo nelle cifre in tutta l’Ue, Italia compresa.

Infine, anche il dato sugli abbandoni scolastici e della formazione conferma la distanza tra Italia e media Ue: 17,6% contro il 12,7% dell’Unione.