Da OrizzonteScuola.it– 05/03/2014 – La nota si riferisce solo alle prove Invalsi delle classi II e V primaria e classe II scuola secondaria II grado. Le prove non sono finalizzate alla valutazione individuale degli alunni, ma al monitoraggio dei livelli di apprendimento conseguiti dal sistema scolastico.

Qualunque sia la tipologia di bisogno educativo speciale, essa andrà segnalata sulla maschera elettronica.

La segnalazione del bisogno educativo speciale consentirà di considerare i risultati degli alunni interessati nel rispetto della massima inclusione, e al contempo permetterà alle scuole di disporre di dati informativi e articolati. Le scuole interessate potranno richiedere all’Invalsi l’invio dei risultati individuali degli allievi con bisogni educativi speciali, solo se i predetti allievi hanno sostenuto le prove formulate dall’Invalsi e non quelle eventualmente personalizzate dalla scuola.

Nei livelli scolastici in cui le prove Invalsi si svolgono in un solo giorno è possibile prevedere per gli allievi con bisogni educativi speciali una scansione temporale differente.

Per le scuole che ne facciano richiesta all’atto della registrazione, l’Invalsi mette a disposizione anche per questo anno scolastico le prove in formato audio per l’ascolto individuale in cuffia delle prove lette da un donatore di voce.

La nota