Da OrizzonteScuola.it – 15/07/2013 – Le iscrizioni on line sono state sicuramente un mezzo efficace per definire in tempi veloci gli organici, ce ne siamo accorti con la rapidità dei movimenti di quest’anno, in netto anticipo rispetto all’anno scorso. Peccato però che in Veneto la cosa non sia andata così bene.
Il MIUR non ha calcolato esattamente le iscrizioni messe a sistema, a quanto pare, ed ha calcolato solo 2.700 studenti in più alle superiori, mentre in realtà il numero è molto più consistente: 6.120 in più.
L’errore ha fatto sì che il MIUR abbia di fatto calcolato in organico di diritto un numero molto inferiore di cattedre rispetto alle reali esigenze.
L’USR, dopo aver constatato che l’organico di diritto era sbagliato, ha mandato la richiesta al Ministero di incrementare le cattedre di almeno 150, ma la risposta al momento non è arrivata.
Le attuali ore mancanti sono state assegnate alle cattedre di diritto previsto, il che vuol dire che le 2.700 ore aggiunte hanno portato alla formazione di molte cattedre da 20 e 24 ore, ma non solo: in molte scuole le classi saranno affollate oltre i limiti fissati dalla normativa, anche in presenza di studenti disabili.
Tra i possibili disagi potrebbe anche esserci quello di dover rifiutare gli alunni in alcune scuole, non potendo creare cattedre in organico di fatto sdoppiando quelle troppo numerose, se non su concessione dell’AT.
“Il Ministero avrebbe potuto calcolare almeno il numero degli alunni delle classi prime sulla base delle iscrizioni on line che aveva già ricevuto quando ha formato l’organico di diritto e non l’ha fatto” è il commento di Nereo Marcon, segretario regionale della Cisl.