Da TuttoScuola.com – 14/05/2015 – Dopo l’apertura di Renzi per discutere di alcuni aspetti del Ddl sulla Buona Scuola e di precariato (oltre che di ruolo del dirigente scolastico), molti esclusi dal piano di assunzioni ricominciano a sperare.

A parte la richiesta, difficilmente praticabile, di assunzione di massa dei precari, abilitati e non, vi sono alcuni gruppi di esclusi che vantano qualche ragione in più e una legittima aspettativa.

Tra questi, i cosiddetti idonei sono passati dalla speranza alla delusione quando nel ddl C. 2994 è completamente scomparsa la previsione della Buona Scuola del settembre scorso a loro favore.

Questi i passaggi del testo di settembre che avevano aperto il cuore alla speranza di circa 6.300 idonei che per mesi si sono cullati nella legittima aspettativa del ruolo, fino a quando il Ddl c. 2994 non li ha più considerati.

Primo passaggio nel testo di settembre:“lanciamo un piano straordinario per assumere a settembre 2015 quasi 150 mila docenti: tutti i precari storici e tutti i vincitori e gli idonei dell’ultimo concorso”…, seguito da una esplicazione che sembrava non lasciare dubbi: “A questi vincitori è opportuno aggiungere i c.d.“idonei” del concorso 2012, ossia coloro che hanno superato le prove ma non sono risultati formalmente vincitori per mancanza di cattedre bandite. In questo caso si tratta complessivamente di oltre 17 mila persone (di cui, però, il 60% e quindi 10.350 risultano iscritti anche nelle GAE). Vale a dire, complessivamente, ulteriori oltre 6 mila persone. Dopo le immissioni in ruolo dell’attuale anno scolastico, il numero complessivo di idonei non iscritti alle GAE dovrebbe arrivare intorno a 6.300 persone.

Nell’ipotetica revisione del testo del Ddl ci può essere un’apertura per questi 6.300 idonei?