Da TuttoScuola.com – 27/03/2015 – “Più che lo scontro mi aspetto un confronto”: Così il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ha risposto alle critiche dei sindacati sulla riforma della scuola che inizierà l’iter parlamentare nei prossimi giorni.

“Le risposte – ha detto il ministro a margine dell’inaugurazione a Sant’Agata Bolognese dei training center realizzati nell’ambito del progetto “Desi” da Automobili Lamborghini e Ducati – sono contenute nel merito di questo disegno di legge che andrà in Commissione la prossima settimana. Si comincerà a discutere delle singole proposte. Credo che i sindacati che cercano un accordo – ha sottolineato Giannini – troveranno delle risposte molto interessanti a cui non potranno sottrarsi. Per esempio, il capitolo scuola e lavoro va nella direzione dello sviluppo del Paese e della sua efficace battaglia contro la disoccupazione giovanile e la dispersione scolastica. Io a questo punto – ha concluso – rimando al merito ed al dibattito parlamentare a cui parteciperò con grande assiduità”.

La disponibilità al confronto (in sede parlamentare però) manifestata dal ministro in replica alle richieste dei sindacati viene apprezzata da Elena Centemero, responsabile scuola e università di Forza Italia, che si associa, in una nota, “all’auspicio espresso dalla ministra Giannini affinché, su un tema importante come la scuola, il dibattito non degeneri in uno scontro ideologico o in una ostilità pregiudiziale a qualsiasi cambiamento”.

“Ricordiamo però al governo”, prosegue la parlamentare, “che presupposto per un confronto proficuo è anche la disponibilità dell’esecutivo ad ascoltare le opinioni diverse e ad accogliere modifiche migliorative del testo. E questo vale sia nel rapporto con i sindacati che con le altre forze politiche. Speriamo davvero che il governo sia capace di entrare nel merito delle singole proposte e di valutarle con obiettività e umiltà”.