Da TuttoScuola.com – 14/11/2013 – Invece di ‘padre’ e ‘madre’ al Liceo Mamiani di Roma sul libretto delle giustificazioni degli studenti si scrive ‘genitore 1’ e ‘genitore 2’.

La dicitura ”firma del padre” e ”firma della madre” o ”firma del genitore o di chi ne fa le veci” lascia dunque il posto a ”genitore 1” e ”genitore 2”. E se la proposta di togliere la dicitura ”mamma” e “papà” dai moduli per l’iscrizione agli asili nido in Veneto e in Emilia Romagna ha suscitato aspre polemiche, niente di tutto questo sembra accadere al Mamiani, la cui preside non si scompone.

”Nessuna dietrologia – dichiara all’agenzia Adnkronos – l’ho fatto con naturalezza, mi sembrava una cosa assolutamente normale. Ho fatto rifare i libretti appena sono diventata preside del Mamiani e non so se ho innovato o meno. Mi sembrava logico e naturale. D’altro canto – sottolinea – genitore è chi si occupa del ragazzo. Bisogna essere pratici e adeguarsi ai cambiamenti. In una società in cui sono sempre più le famiglie allargate o ricomposte non ho visto nulla di strano in questa dicitura”.

Plaude a questa ”piccola rivoluzione silenziosa” il Coordinamento genitori democratici, che auspica una diffusione dell’iniziativa, così come Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center.

Per nulla d’accordo si dichiara invece il vicecapogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia, Fabio Rampelli, che parla su Twitter di “un’idiozia ideologica”, mentre per Sveva Belviso, capogruppo Pdl di Roma Capitale, “La decisione della preside del liceo Mamiani di soppiantare la dicitura ‘padre’ e ‘madre’ in favore di ‘genitore1’ e ‘genitore2’ è null’altro che una ridicola carnevalata arrivata in anticipo sulla stagione”.