Da TuttoScuola.com – 06/06/2015 – Prevedere che lo school bonus sia riconosciuto solo per le erogazioni liberali alle scuole di ogni ordine e grado statali e paritarie “senza scopo di lucro” e che venga posto un limite complessivo all’erogazione del credito d’imposta, destinando le risorse che avanzano all’erogazione di borse di studio sia per scuole statali che per le paritarie.

Questa una delle condizioni contenute nel parere, favorevole, sul ddl Scuola espresso oggi dalla commissione Finanze al Senato.

Sempre riguardo allo ‘school bonus’ la commissione Finanze chiede anche che sia eliminato dall’articolo 17 il riferimento agli “interventi che migliorino l’occupabilità degli studenti” tra quelli per cui sia possibile fruire di un credito di imposta in caso di erogazioni liberali.

La seconda condizione contenuta nel parere della commissione Finanze chiede semplicemente di coordinare la disposizione (sulle detrazioni Irpef delle spese scolastiche, dalle scuole dell’infanzia in poi) con quanto disposto dall’articolo 15 del Tuir (Testo unico delle imposte sui redditi).