Da TecnicaDellaScuola.it – 07/07/2013 – Chiesta al MEF l’autorizzazione per le nuove assunzioni. Il Campania il numero maggiore di nuovi dirigenti. Le immissioni in ruolo serviranno a ridurre sensibilmente le scuole affidate in reggenza. A partire dal prossimo settembre 586 docenti di tutta Italia che hanno superato le prove del concorso per dirigenti scolastici potrebbero assumere il nuovo incarico. Sarebbe una boccata d’ossigeno per molte scuole, soprattutto per quelle che da anni vengono affidate in reggenza. Nell’incontro con le organizzazioni sindacali svoltosi il 4 luglio presso il Ministero,è stato reso noto che proprio nei giorni scorsi la direzione generale del personale della scuola ha inoltrato al Dipartimento della Funzione pubblica ed al MEF la richiesta per le nuove assunzioni. Le autorizzazioni richieste – spiega l’ANP in un proprio comunicato – sono così distribuite: 43 in Abruzzo, 16 in Basilicata, 32 in Calabria, 36 in Campania, 11 in Friuli V.G., 64 nel Lazio, 3 in Liguria, 14 nelle Marche, 89 in Puglia, 22 in Sardegna, 181 in Campania, 6 in Toscana, 7 in Umbria e 40 nel Veneto. Dalla tabella riassuntiva provvisoria illustrata nella riunione di oggi al Miur risulta anche che l’organico dei dirigenti delle scuole autonome normodimensionate sarà di 8.057 nell’a.s. 2013-2014, mentre i mantenimenti in servizio richiesti sono 112. Le 586 assunzioni rappresentano un modesto vantaggio anche per i docenti, in quanto sulle cattedre lasciate vuote da neo-dirigenti sarà necessario assumere docenti precari o immettendoli in ruolo oppure conferendo un incarico annuale fino al 31 agosto 2014.