Da TuttoScuola.com – 12/04/2015 – E’ meglio che dirigenti siano affiancati da uno staff. “Alla ministra Giannini ricordiamo che i presidi non sono come i rettori, perché per diventare presidi non si è e non si sarà eletti ma si sostiene un durissimo concorso, altamente selettivo, in cui vengono misurate le competenze gestionali, legislative, didattiche e di leadership dei candidati”. Lo dichiara, in una nota, la responsabile scuola e università di Forza Italia, on. Elena Centemero, che dal punto di vista professionale è una dirigente scolastica.

“Il dirigente scolastico è una figura molto importante della scuola, la cui prima caratteristica è la leadership diffusa, ossia la capacità di coinvolgere nella gestione della scuola i docenti e il personale amministrativo. Non si tratta di dare più o meno potere ai dirigenti – spiega la deputata-dirigente -, ma si deve metterli nella condizione di gestire le istituzioni scolastiche in modo efficace ed efficiente. Per questo, è necessario creare uno staff e delle figure intermedie che li supportino ed è anche doveroso che i dirigenti scolastici siano sottoposti ad una seria valutazione, esattamente come i docenti”, conclude.