Da TuttoScuola.com – 08/10/2013 – Un’indagine dell’Ocse, denominata All, Adult Literacy and Life Skills, ha messo in evidenza per l’Italia una pesante situazione di analfabetismo funzionale, cioè l’incapacità di una persona di usare in modo adeguato le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita quotidiana.

Tullio De Mauro, che da anni si occupa delle ricerche sull’analfabetismo funzionale, scrive che “soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea”.

I dati sul resto della popolazione fanno paura: il 5% di chi ha tra i 14 ed i 65 anni non sa distinguere una lettera da un’altra o una cifra da un’altra; il 38% riesce a leggere con difficoltà, quando si tratta di singole scritte o cifre. La maggior parte degli italiani a stento riesce a comprendere la posologia di un farmaco: il 5% non capisce quanto scritto sul bugiardino. La metà poi non è in grado di capire le informazioni su un foglio di istruzioni.

Per combattere questo nuovo analfabetismo (di ritorno, come viene anche chiamato) che compromette il diritto di cittadinanza attiva di milioni di italiani tra i 15 e i 64 anni, il nostro Paese ha ancora molto da fare, perché la percentuale di iscritti a corsi di istruzione per gli adulti (6%) è attualmente tra le più basse dei Paesi dell’Unione.

Dal prossimo anno scolastico prenderanno l’avvio i nuovi Centri provinciali per l’istruzione degli adulti, che saranno organizzati con propria autonomia di istituzione scolastica e affidati a un dirigente scolastico. Si tratta di una sfida difficile e complessa per la quale l’Italia è impegnata a raggiungere per il 2020 (strategia di Lisbona) l’obiettivo del 12,5%.

Contestualmente il nostro Paese è impegnato anche a conseguire per quella data la riduzione del numero di giovani con limitata alfabetizzazione e scarse competenze di base al 15,5% del totale.

Lo sviluppo del Paese passa anche dalla lotta all’analfabetismo funzionale.